venerdì, novembre 10, 2006

UNA POESIA (di PEDRO HIGINO DELGADO)



(tradotta dal portoghese all'italiano...)

" UNO SGUARDO da LONTANO

Uomini seduti e a testa bassa, pensieri distanti
senza niente da fare, senza che ci sia nulla da fare.
Uomini a ripetere gest quotidiani
il quotidiano sempre della stessa banalità.
Il rincorrersi dei bambini sotto il sole cocente
con la vita in un ritmo lento
e l'animo spensierato
e le donne intorno al "Pilao" a garantire il pane quotidiano...

Così va il mio paese!...
Con le tenebre in arrivo, i bambini seduti sulle stuoie
ascoltando dai più vecchi i racconti del passato
per cercar di dimenticare il triste quotidiano
in cui vediamo con chiarezza
un tempo che non aiuta a spiegare
gli anni di rovina, di instabilità, di declino accentuato
da una ignoranza che sembra non voler lasciare questo paese
a questo popolo che merita un altro destino, un altro domani...

Così va il mio paese...perennemente alla deriva!"

1 Comments:

Blogger Eddy said...

bella quanto reale quanto triste.

3:00 PM  

Posta un commento

<< Home