giovedì, novembre 16, 2006

CONTRO LA PROLIFERAZIONE DELLE ARMI LEGGERE

Il governo della Guinea Bissau ha deciso di rinforzare i mezzi ed unire gli sforzi per far fronte alla proliferazione delle armi leggere e di piccolo calibro nel paese. Il rappresentante del governo, durante un incontro sub-regionale sull'argomento, a cui hanno partecipato numerose ONG, non ha però specificato il numero di armi circolanti attualmente in Guinea Bissau (di sicuro sono MOLTE!!!), ma ha sottolineato l'importanza di strategie comuni tra i paesi vicini.
Nell'incontro si è ricordato che nel mondo esistono 640 milioni di armi leggere e di piccolo calibro, e che ogni anno se ne producono più di 8 milioni

3 Comments:

Blogger Eddy said...

Il commercio delle armi è una piaga da anni per tutto il continente africano...armi ke vengono vendute dai cosiddetti paesi "civilizzati"!

1:10 AM  
Blogger fufu said...

esiste una campagna, chiamata controlarms, promossa da Amnesty International, Iansa e Oxfam che propone un trattato (presentato all'ONU) che regolamenti il commercio delle armi. Questa campagna ha inoltre avuto l'originalita di non essere una semplice raccolta firme, ma si doveva mettere letteralmente la faccia, ovvero fare delle fotografie ed esporsi in prima persona. E' stata una esperienza bella e singolare fare dei banchetti informativi per questa iniziativa. Per maggiori informazioni visitate il sito di amnesty, sulla sezione CAMPAGNE o www.controlarms.org...spulciando su gallery e inserendo nomi di qualcuno che conoscete potrete avere sorprese

10:59 AM  
Blogger Eddy said...

Si esatto...me l ha appena consigliato anche Agnese..

12:48 PM  

Posta un commento

<< Home